Concorsi truccati, arrestati sette professori universitari

guardia di finanza 25/09/2017 - Sette docenti universitari di diritto tributario sono stati arrestati per corruzione dalla guardia di finanza di Firenze, nell'ambito di un'inchiesta su presunti concorsi truccati.

Secondo la procura fiorentina, la commissione che si occupava di scegliere i vincitori del concorso nazionale per l’abilitazione all’insegnamento non lo faceva con criteri di merito ma "secondo logiche di spartizione territoriale e di reciproci scambi di favori".

L'indagine è nata dalla denuncia di un ricercatore dell'Università di Firenze, candidato al concorso, che ha accusato alcuni docenti di aver tentato di convincerlo a ritirare la propria candidatura per favorire un altro ricercatore. In cambio gli era stata promessa l'abilitazione nel concorso successivo.

Oltre ai sette professori arrestati, finiti ai domiciliari, altri 22 docenti sono stati interdetti dalle attività accademiche per 12 mesi, non potranno quindi insegnare. Gli indagati sono in tutto 59. Molti dei docenti coinvolti nell'inchiesta sono pubblici ufficiali, in quanto membri delle commissioni ministeriali per l'abilitazione all'insegnamento. Tra le persone indagate c'è l'ex ministro Augusto Fantozzi, attuale rettore dell'Università di Benevento.

I professori messi agli arresti domiciliari sono Fabrizio Amatucci, docente all'Università di Napoli, Giuseppe Maria Cipolla (Cassino), Adriano Di Pietro (Bologna), Valerio Ficari (Roma Tor Vergata), Guglielmo Fransoni (Foggia), Alessandro Giovannini (Siena), Giuseppe Zizzo (Castellanza, Varese).





Questo è un articolo pubblicato il 25-09-2017 alle 17:02 sul giornale del 26 settembre 2017 - 990 letture

In questo articolo si parla di cronaca, università, concorso, guardia di finanza, firenze, corruzione, marco vitaloni, articolo, professori universitari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNlA