Intitolata a Giogiò Cutolo la sala teatrale del Centro "Asterix"

3' di lettura 07/06/2024 - La sala teatrale del Centro "Asterix" porta da oggi il nome di Giovanbattista Cutolo, il giovane assassinato il 31 agosto dello scorso anno con un colpo di pistola durante una discussione alla quale era estraneo.

La targa con il nome del musicista della Nuova Orchestra Scarlatti apposta all'interno del Centro giovanile di San Giovanni a Teduccio è stata scoperta questa mattina dal sindaco di Napoli insieme ai genitori, alla presenza all'assessora alle Politiche giovanili e al Lavoro, alla presidente del Consiglio comunale e ad altri consiglieri comunali. Nel corso della cerimonia di intitolazione, un gruppo di bambini e di bambine dell'Istituto comprensivo "Rodinò" di Barra ha cantato una canzone che ha dedicato a Giogiò, come Giovanbattista era da tutti conosciuto, e a Francesco Pio Maimone, altro ragazzo la cui vita è stata spezzata dalla delinquenza giovanile. Ad accompagnarli, il maestro di corno di Giogiò, Luca Martingano.

"L'intitolazione di questa sala a Giogiò è l'espressione di una volontà comune del Consiglio, dell'Amministrazione e mia, insieme alla famiglia – ha affermato il sindaco di Napoli –. Dobbiamo ricordare ragazzi che sono di esempio nei luoghi frequentati dai giovani e questa sala è un punto di riferimento per un quartiere complicato della nostra città. Faremo in modo che ogni anno ci sia una rassegna o un'iniziativa per ricordare sempre il sacrificio di Giogiò e riaffermare l'impegno da parte nostra per la legalità, sostenendo i giovani che vogliono seguire un percorso positivo". "Abbiamo voluto simbolicamente scegliere una sala in cui si fa anche musica – ha evidenziato l'assessora alle Politiche giovanili – per ricordare quella che era la passione di Giovanbattista e testimoniare l'importanza di creare occasioni per valorizzare il talento dei giovani. Vogliamo fare anche in modo che tutti i ragazzi della città siano consapevoli che queste tragiche vicende possano essere evitate in futuro".

"Col capogruppo di Manfredi Sindaco abbiamo proposto questa iniziativa affinché dalla morte di due giovanissimi che ha scosso la città, Giovanbattista Cutolo e prima di lui Francesco Pio Maimone, potesse nascere un messaggio di speranza. Questa idea è stata approvata all'unanimità dal consiglio comunale ed ha ricevuto subito il sostegno del sindaco e dell'assessora alle Politiche giovanili – ha ricordato la presidente del Consiglio comunale –. L'intitolazione della sala del Centro Asterix a Giogiò, significa non solo ricordare, ma anche creare occasioni di riscatto grazie a luoghi in cui regnano la socializzazione, l'integrazione e la cultura in risposta a situazioni di degrado e di deprivazione in cui più spesso nascono fenomeni di criminalità".

"Il sindaco e i consiglieri comunali di Napoli hanno dimostrato una sensibilità vera – ha sottolineato Daniela Di Maggio, madre di Giogiò –. I nomi hanno un'energia e avere una sala che porta il nome di Giovanbattista Cutolo qui a San Giovanni a Teduccio, che è zona di frontiera, significa avere un luogo che emana l'energia della legalità. E questo è molto importante per tutta la città".








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-06-2024 alle 20:00 sul giornale del 08 giugno 2024 - 16 letture

In questo articolo si parla di attualità, napoli, comune, comune di napoli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve ? https://vivere.me/e742





logoEV
qrcode